STRAMA come MOU forse è troppo?


Ciao,

intanto ringrazio tutti gli allenatori che ieri mi hanno scritto il loro parere sul commento riservato a STRAMACCIONI.

Se volete commentare potete anche andare sul sito e lasciare li la vostra testimonianza che può servire anche agli altri.

Vorrei continuare sul discorso di STRAMACCIONI perchè solo in Italia succede che un allenatore se vince E’ UNA STELLA ma se poi perde una partita diventa l’ultimo degli asini.

Oggi sento dire più che mai che Stramaccioni è come Mourinho Beh, forse adesso credo che stiamo esagerando un pò troppo.

Paragonare un allenatore che ha vinto tanto, con un allenatore che sta iniziando adesso è come paragonare le mele con le pere.

Mi scuso se tu la pensi diversamente, ma non mi sento di avvalorare questo paragone.

Si è vero che la squadra denota con i suoi comportamenti  a volte somiglianze con la squadra del “Triplete” ma solo per questo.

Stramaccioni ha il merito intanto di essere entrato nel cuore dei giocatori e di aver lavorato anche su alcuni aspetti tattici, quali la difesa.

Per esempio la sua squadra è in grado di fare bene i 3 tipi di pressing fondamentali:

  1. Pressing difensivo
  2. Pressing offensivo
  3. Pressing ultra offensivo.

 

Il pressing difensivo viene di solito svolto dentro la propria campo lontano dall’area di rigore, con l’obiettivo di chiudere tutte le linee di passaggio più pericolose degli avversari.
Quindi ci si preoccupa più di chiudere gli spazi di giocata con delle coperture reciproche su palla scoperta.
Più gli avversari invece si avvicinano all’area di rigore e più le marcature si stringono sempre di più sugli avversari fino a diventare marcature a uomo.

Il pressing offensivo viene di solito fatto quando la palla si trova nei pressi della metà campo. La differenza tra il pressing difensivo e il pressing difensivo, sta nel fatto che la squadra difendente, essendo la palla lontana dall’area di rigore, può rischiare di più per aggredire sia il portatore di palla che gli eventuali appoggi avversari. Quindi sopratutto quando il portatore di palla è in difficoltà la scalata in avanti di tutta la squadra è obbligatoria. Come nel caso di pressing difensivo anche in questo caso, su palla scoperta, ci si deve preoccupare maggiormente  di chiudere le linee di passaggio, mentre su palla coperta si deve aggredire il portatore chiudendo gli appoggi.

Il pressing ultraoffensivo si effettua oltre la metà campo avversaria. Il vantaggio è che se si conquista palla si è subito vicino alla porta avversaria.

In questo tipo di pressing, l’aggressione al portatore di palla  e sugli appoggi, deve essere effettuato veramente  con meccanismi perfetti, perchè se il pressing non dovesse  riuscire, gli avversari avrebbero molto campo libero per fare delle ripartenze micidiali.

Tutto questo lo spiego in maniera approfondita all’interno del Club Allenatori Italiani che mi sto accingendo a RIVOLUZIONARLO COMPLETAMENTE.

Per cui se sei interessato ad iscriverti, questo mese resta sintonizzato su questo canale.

Nell’attesa COSA VUOI IMPARARE QUESTO MESE?
Dai un’occhiata ai nostri Video- Audio corsi approfonditi:

Se vuoi commentare questo articolo scrivi qui sotto nell’apposito spazio riservato ai commenti

Bene con questo è tutto per oggi.

Ciao e alla prossima

MArco Mirisola

Lascia il tuo commento se ti fa piacere

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*