Real Campione, grazie a Carlo Ancelotti

T è piaciuto? CondividiShare on LinkedIn0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on Facebook0

Real Madrid-Atletico Madrid - finale Champions League

Il Real dopo essere stato a due minuti dal termine nell’inferno più profondo, oggi per la decima volta è campione d’europa. Che il calcio fosse strano e che oramai spero tutti capiscano che non sempre 1+1 fa 2, un fatto è certo: come diceva un certo Boskov: “la partita finisce quando arbitro fischia”

Anche a quei livelli, la concentrazione può calare, perchè qualcuno potrebbe dire che a due minuti dal termine della partita, lasciare un giocatore avversario libero colpire di testa, su un calcio da fermo, è un errore da dilettanti. Eppure in questo frangente non è stato un problema fisico, non è stato un problema tattico, ma un problema di testa. E’ da qui che parte tutto!! La testa conta quanto la parte tecnica, la parte fisica, la parte tattica…eppure ancora oggi molti allenatori fanno finta di nulla, fanno come le 3 scimmiette, non sentono, non parlano, non vedono.

La partite, i trofei e la carriera oramai dipendono per una buona parte da come si comunica con successo con i tuoi giocatori, con i tuoi dirigenti, con i tuo staff, con i manager, con la stampa, con i tifosi. Se ci fai caso, escluse le eccezioni ( Zeman, ma è anche vero che non ha mai vinto nulla), tutti i grandi allenatori vincenti conoscono l’arte di comunicare. si perchè nessuno “nasce imparato” (come dicono da qualche parte d’Italia) per cui se vuoi puoi adesso imparare anche tu.

Clicca sull’immagine qui sotto per capire come fare:

covermp3

 

T è piaciuto? CondividiShare on LinkedIn0Tweet about this on TwitterEmail this to someoneShare on Facebook0

Lascia il tuo commento se ti fa piacere

comments

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*